TRIUMPH TR4

the world's most exciting sport car


Come ottenere la certificazione ASI

L' A.S.I. - Automotoclub Storico Italiano - è un Ente morale di diritto privato, riconosciuto con decreto del Presidente della Repubblica, con sede legale in Torino presso il Museo dell' Automobile e sede amministrativa pure in Torino, Corso Orbassano - 336.

L' A.S.I. è gestito operativamente da un consiglio Federale, eletto con cadenza triennale dall'Assemblea dei delegati dei Clubs federati, a capo del quale è insediato il presidente, anch'esso eletto dall'Assemblea dei delegati. Bisogna quindi iscriversi ad uno di questi Clubs in quanto l'A.S.I. non è altrimenti raggiungibile.

Istituzionalmente l'Ente rappresenta l'automobilismo ed il motociclismo storico italiano presso tutti gli enti ed organismi nazionali ed internazionali competenti. Esso è preposto allo sviluppo ed al controllo delle auto e delle moto d'epoca e di interesse storico o collezionistico. A tale scopo rilascia attestati di omologazione certificanti le caratteristiche di storicità e autenticità dei sudetti veicoli, i quali consentono altresì dietro richiesta, di ottenere l'esenzione dalla tassa di possesso, certificati di conformità delle caratteristiche tecniche dei veicoli che ne consentono la reimmatricolazione o l'immatricolazione nel P.R.A., cura l'instituzione e la tenuta di appositi elenchi e disciplina le manifestazioni organizzate dai clubs federati, manifestazioni alle quali possono partecipare soltanto i veicoli in possesso del certificato di omologazione o certificato d'identità.

CERTIFICATO DI ISCRIZIONE A.S.I.

Viene rilasciato gratuitamente a seguito di una domanda inoltrata tramite il proprio Club di appartenenza (tempi tecnici da 60 a 90 giorni) a tutti i veicoli costruiti da più di vent'anni purchè dotati di carrozzeria e telaistica conforme all' originale, motore del tipo montato in origine dal costruttore o compatibile ed interni e selleria decorosi. Dimostra l'effettiva data di costruzione del veicolo e ne identifica il modello ed i dati di immatricolazione. Consente l'esenzione dal pagamento della tassa di possesso ai sensi dell'art. 5 DL 30/12/82 convertito in Legge 28/2/83 n°53 e successive modifiche ed è di aiuto nelle pratiche sdoganamento. E' spesso richiesto dalle Compagnie Assicurative per ottenere premi agevolati.

Chi inoltra la domanda contestualmente all'iscrizione al Club ed all'A.S.I. non dovrà indicare il numero di tessera A.S.I., che verrà apposto a cura della segreteria. Se i dati del proprietario risultanti dalla carta di circolazione non corrispondono bisogna allegare la copia del foglio complementare o del certificato di possesso od ancora, sotto indicazione del Club, una autocertificazione.

La foto del numero di telaio, per gli autoveicoli, deve consentire una agevole lettura dello stesso: se nascosto dalla vernice carteggiarlo o evidenziarlo, sempre sulla lamiera. La targhetta riassuntiva può non essere presente.

Questo è il mio certificato

Certificato di omologazione all'ASI

ATTESTATO DI IDENTITA' A.S.I.

L' attestazione d'identità, anch'essa da richiedere presso il proprio Club di appartenenza, rappresenta il più importante riconoscimento dell'ASI per un veicolo di interesse storico: una apposita Commissione, proveniente da altre Regioni d'Italia, esamina a fondo il veicolo controllando l'originalità di tutte le sue parti e che ogni particolare si accettabile (in particolare, colore e tipo della verniciatura, tessuti e rivestimenti, misura dei pneumatici, motorizzazione etc.). Qualora le caratteristiche non siano conformi l'attestato non viene rilasciato.

Tale attestazione può riguardare sia veicoli restaurati, sia veicoli conservati (rispetto al momento della costruzione). l'attestato di identità permette anche di partecipare a tutte le manifestazioni organizzate dall'ASI. Inoltre è richiesto da alcune compagnie di assicurazione per potere godere di premi agevolati.

Attualmente la pratica ha un costo di Euro 103,29 da effettuare tramite versamento su conto corrente (n° 40357105) intestato a: ASI - corso Orbassano 336 - 10137 Torino. Nella causale è opportuno indicare: il tipo di pratica (esempio:Domanda certif. identità), il nome e cognome del socio, il numero di tessera, la marca ed il modello dell'autoveicolo. La ricevuta di avvenuto pagamento originale deve essere spillata insieme alla pratica (il socio deve trattenere una fotocopia della ricevuta di avvenuto pagamento).

La pratica si articola in alcune fasi:

1) il socio deve contattare il Commissario Tecnico di Club per una preventiva verifica del veicolo in modo valutare sia nelle condizioni di originalità sopra ricordate per potere superare l'esame della Commissione Tecnica Nazionale ASI. Il Commissario Tecnico di Club può suggerire le migliorie o le modifiche da apportare al veicolo.

2) compilazione del modulo che ogni socio può ritirare presso la Segreteria del suo Club. Inoltre è necessario effettuare una nutrita serie di foto da allegare al modulo.

3) firma del modulo da parte del Commissario Tecnico di Club che provvede a redigere la relazione tecnica.

4) invio del modulo alla Segreteria Generale dell'ASI che provvederà successivamente a convocare il socio ad una seduta di esame della Commissione Tecnica Nazionale ASI per la verifica finale del veicolo. Può accadere che la seduta di esame si tenga in una località diversa rispetto a quella di residenza del socio.

5) se il veicolo supera l'esame la pratica tornerà alla Segreteria Generale dell'ASI che prov vederà ad inviare alla Segreteria del Club il certificato d'identità e la targa in ottone. Qualora, invece, il veicolo non superi l'esame, la Commissione Tecnica Nazionale ASI potrà indicare al socio le migliorie e le modifiche da apportare in modo da poterlo ripresentare successivamente.

Questo è il mio attestato

Certificato di identità ASI: frontespizio

Certificato di identità ASI: retro

BREVE DESCRIZIONE DEL MODULO PER L'ATTESTAZIONE D'IDENTITA'

(Istruzioni indicative, i moduli vengono spesso cambiati)

Pagina 1. Nella prima pagina è necessario riportare:

1) I dati identificativi del proprietario. Il Consiglio Federale ha deliberato nella riunione del 4 luglio 2002 che l'ASI rilascerà i propri documenti oltre che ai tesserati, anche alle persone proprietarie di veicoli che fanno parte dello stesso nucleo familiare del tesserato (genitori,figli e moglie o marito in regime di comunione dei beni): la domanda deve essere però compilata sempre a nome del tesserato.

2) I dati identificativi del veicolo: è opportuno recuperare la parte del libretto di uso e manutenzione ove sono riportati i dati tecnici.

Pagina 03. Spillare l'originale della ricevuta di pagamento.

Pagine 04-05. In caso di restauro del veicolo è consigliabile allegare, se disponibili, alcune foto del veicolo prima del restauro e durante il restauro.

Pagine 06-12. Sono necessarie le fotografie indicate da pagina 06 a pagina 12 del modulo:

n° 1 vista lato desto;
n° 1 vista lato sinistro;
n° 1 vista frontale;
n° 1 vista posteriore;
n° 1 foto del motore lato destro;
n° 1 foto del motore lato sinistro;
n° 1 vista sottostante (è necessario porre il veicolo su di un ponte sollevatore);
n° 1 ruota completa (deve essere letta chiaramente la misura del pneumatico;
n° 1 selleria anteriore (sedili, rivestimento del tunnel, del pavimento, delle porte);
n° 1 numero telaio punzonato;
n° 1 numero telaio punzonato;
n° 1 targhetta dei dati della vettura: se separate riportare entrambe per telaio e motore;
n° 3 foto ¾ anteriore: per certificato ed altri moduli.

Tutte le fotografie devono essere: Formato 10x14 a colori possibilmente su sfondo neutro; non si accettano foto polaroid o fotocopie a colori. Per i veicoli aperti e per quelli dotati di "hard-top", o con tetto apribile è necessario effettuare le foto previste alle pagine 6 e 7 sia con carrozzeria aperta, sia con carrozzeria chiusa.

Pagine 13-15. È necessario riportare i dati tecnici del veicolo relativi a:

Motore;
Cambio;
Trasmissione;
Telaio;
Freni;
Sospensioni;
Ruote;
Impianto elettrico e servizi;
Strumentazione;
Carrozzeria;

Per facilitare la compilazione dei dati consultate i manuali tecnici ed i libri specializzati.

Pagina 16. I campioni di colore richiesti sono:

Corpo vettura;
Parafanghi (solo se diversi dal corpo vettura);
I campioni materiali richiesti sono:
Sedili anteriori;
Pavimento anteriore.

I campioni materiali devono essere identici ai materiali presenti sul veicolo. E sufficiente ritagliare un piccolo lembo di stoffa o di pelle nei punti meno visibili del veicolo: sotto i sedili, oppure per ciò che riguarda il pavimento nei punti di congiunzione con il pianale (vicino alla pedaliera!).

Infine il socio deve firmare la domanda di certificazione di identità.

Non sono responsabile per imprecisioni o variazioni su quanto scritto sopra:
per altre o migliori informazioni contattate il vostro club.






Nicola Marras 2003

Credits: ASI, Circolo Autostoriche Nino Farina & Registro Italiano Volkswagen

      Mappa del sito

Valid CSS 3!      Valid HTML 4.01!


Se visualizzate questa pagina priva del menù laterale
di navigazione cliccate sul banner per rientrare nel sito