Was there life before computer?

gli strumenti di calcolo prima dell'era digitale


Il regolo in guerra


Il "Compasso Geometrico et Militare" di Galileo nacque per risolvere i problemi delle prime bocche da fuoco e il regolo moderno fu inventato dal tenente francese Mannheim per massimizzare il tiro dei suoi cannoni. Il regolo ha quindi un glorioso curriculum ed è ancora in forza negli eserciti: quale altro calcolatore potete lasciare acceso senza mai sostituirne le batterie o lanciare da 20 metri di altezza utilizzandolo poi senza problemi? Le moderne truppe speciali sono sempre equipaggiate con strumenti analogici, pronti all'uso anche dopo il guado di un fiume. Infine, durante la guerra fredda, si temeva un attacco nucleare sovietico e solo il regolo può funzionare in ambienti contaminati. In situazioni critiche l' affidabilità è essenziale.

Studi di Galileo per il tiro

Studi di Galileo per il tiro delle bocche da fuoco

Regolo per misurare l'esposizione alle radiazioniRegolo calcolatore da tiratore scelto

Regolo per misurare l'esposizione alle radiazioni e da tiratore scelto

Regolo circolare di tiro

Lanciasiluri in azione: si può vedere il regolo circolare di tiro

I regoli servirono agli artiglieri per risolvere i problemi del triangolo di tiro e furono utilissimi per decifrare i messaggi nelle stazioni radio. Vennero usati anche in meteorologia per analizzare i dati forniti dai palloni sonda: le previsioni erano essenziali nella pianificazione degli attacchi aerei ed anche la data del "D-Day" venne scelta in base al bollettino del tempo.

Regolo calcolatore metereologico

Elaborazione del bollettino meteorologico

L'uso del regolo ebbe grande sviluppo con la nascita della guerra sottomarina. Il lancio dei siluri alla cieca basandosi sui rilevamenti acustici necessita di molti calcoli ma, mentre gli Italiani utilizzavano un semplice regolo circolare, gli Americani costruirono poderosi regoli elettromeccanici che trovavano automaticamente la miglior soluzione di tiro. Coraggio e audacia niente poterono contro questa tecnologia e tanti nostri sommergibili non rientrarono alla base.

Torpedo computer     Centrale di tiro

Gli Americani avevano un gigantesco regolo meccanizzato ...

Uso del regolo su i sommergibili     Regolo calcolatore da sommergibbile

... Italiani e i Tedeschi solo un regolo circolare, chiamato "il piatto"


Regolo calcolatore aeronautico

Pianificazione del bombardamento in volo

Anche in Aeronautica i regoli ebbero il loro momento di gloria. Le moderne tecniche di bombardamento esigevano infatti una perfezione assoluta nella determinazione dei bersagli, spesso notturni od oscurati dalle nubi, e nelle basi a terra erano utilizzati dal personale di supporto tattico per disegnare la mappa delle battaglie aeree.

Uso del regolo calcolatore durante la Battaglia d'Inghilterra

Calcoli tattici durante la Battaglia d'Inghilterra



Il regolo balistico

  

Già a 2.000 metri è difficile identificare il bersaglio: come colpirlo?

Per il tiro di precisione non basta una mano ben ferma, per centrare un piatto a 2,5 km di distanza bisogna effettuare anche numerosi calcoli: il bersaglio non può essere visto ad occhio nudo ed il proiettile è soggetto a diverse forze devianti. Queste eccezionali prestazioni sono rese possibili dalle moderne ottiche e nella seconda guerra ci si accontentava di fare centro a ca. 1,5 km, un risultato comunque ragguardevole.

A tali distanze il proiettile subisce innumerevoli influenze esterne ed un solo millimetro di deviazione non gli permetterà di raggiungere il bersaglio. Il mirino ottico(cannocchiale) deve essere tarato con precisione, addirittura in decimi di grado, e se nei poligoni si utilizza il computer balistico sul campo bisogna avere strumenti robusti ed affidabili: per compiere questa "mission impossible" dovremo utilizzare il regolo.

Bisogna conoscere, per apportare le necessarie correzioni:

  • distanza, per calcolare quanto il proiettile si abbasserà lungo la traiettoria;
  • velocità del proiettile, dipendente dalla carica. Per garantirne l'omogeneità i tiratori preparano personalmente le munizioni utilizzando un regolo specifico per determinare la quantità di polvere;
  • temperatura, che influenza la velocità: una differenza di 10°C rispetto alle condizioni standard non permetterà di colpire il bersaglio;
  • altitudine, più si è in alto meno l'aria è densa ed il proiettile sarà quindi più veloce;
  • pressione barometrica, per lo stesso motivo;
  • componente laterale del vento, che devierà la traiettoria;
  • componente frontale del vento, che rallenterà od accelererà la traiettoria;
  • angolo di elevazione, cioè di quanto il bersaglio è più in alto od in basso del tiratore, per compensare gli effetti della gravità;
  • distorsione della canna causata dal calore in caso sia necessario un secondo colpo.

Il tiro di precisione è un affare da matematici e il regolo non manca mai nella borsa delle munizioni.

Anche utilizzando mitragliatrici, obici e lanciarazzi bisogna risolvere i problemi di mira e spesso le fabbriche progettano regoli specifici per le loro armi. Questo vale anche per le artiglierie pesanti e niente è preferibile al nostro strumento, spesso reclamizzato come "L'unico calcolatore che non si guasterà mai sul campo".

Regolo calcolatore da franco tiratore

Moderno regolo da franco tiratore



I regoli della Guerra Fredda

Durante la Guerra Fredda fra USA e URSS si temeva un attacco di missili con testata nucleare e furono progettati regoli adatti ad operare in questo scenario.

Immaginiamo per esempio che un nostro aereo abbia scoperto un deposito di testate nucleari ad est degli Urali. Come determinare quanti missili dobbiamo lanciare per distruggerlo?

Naturalmente conosciamo il CEP (probabilità di errore circolare) delle nostre armi, pari a due. Questo significa che lanciando un solo missile avremo il 50% di possibilità che esploda entro due miglia dal bersaglio, il 43% tra due e quattro ed il 7% tra quattro a sei. E' un grado di precisione inaccettabile ed il RAND Bombing Probability Computer ci permetterà di calcolare il numero di missili necessario per avere la certezza statistica di compiere con successo la missione. Oggi naturalmente le cose sono molto diverse ed il CEP si misura in centimetri.

Il Bombing Probability Computer

Se invece siamo sorpresi da un esplosione nucleare abbastanza lontano da sopravvivere utilizzeremo un regolo specifico per calcolare la quantità di radiazioni che riceviamo in funzione della sua potenza stimata e della nostra distanza dall' epicentro. Ci permetterà di conoscere per quanto tempo potremo restare relativamente sicuri nell'area contaminata e fu distribuito in varie versioni presso tutti i reparti NATO e del Patto di Varsavia fra il 1950 e il 1990.

In Italia la difesa nucleare era affidata alla branca ABC (Atomica, Biologica e Chimica) del Servizio Chimico e dal 1976, divenuta NBC (Nucleare, Biologica e Chimica), è passata nelle competenze dell'Arma di Artiglieria. Avevano in dotazione il regolo "Nestler" prodotto nella Germania 0vest.

   

Il regolo Nestler usato in Italia e un modello sovietico, ca. 1962




Nicola Marras 2008

Credits: Oak Ridge Associated Universities

      

Valid CSS 3!      Valid HTML 4.01!

Se visualizzate questa pagina priva del menù laterale
di navigazione cliccate sul banner per rientrare nel sito